Domanda:
Quali sono le buone tecniche per ridurre l'ansia da separazione?
Kzqai
2011-04-16 15:22:13 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quali sono le buone tecniche per ridurre / svezzare l'ansia da separazione?

Mio figlio piange quando io e sua madre lasciamo la stanza, anche per andare nella stanza adiacente o al piano di sopra a prendere qualcosa. In modo più dirompente, piange di notte quando si sveglia abbastanza da rendersi conto che stiamo uscendo dalla stanza.

In questo momento sto cercando di confortare, calmare e poi andarmene di nuovo, per insegnarle che piangere non è " sto andando a ottenere il risultato complessivo che desidera ardentemente. Tuttavia, non ho ancora notato alcun effetto da questo.

Ha circa un anno e mezzo.

Qualche altro suggerimento?

Hmmm, domanda simile: http://parenting.stackexchange.com/questions/207/how-to-calm-a-toddler-before-bedtime
Due risposte:
#1
+10
HedgeMage
2011-04-16 23:46:34 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non lasciarla stare tutto il giorno sul fianco.

Un bambino così vecchio dovrebbe essere abituato a giocare in un box o in una stanza recintata a prova di bambino dove lei posso vederti almeno la maggior parte del tempo. Se il tuo stile genitoriale tiene tuo figlio su di te durante la maggior parte delle sue ore di veglia, la separazione è spaventosa perché è nuova e diversa. Non puoi aspettarti che un bambino dorma da solo la notte quando non ha ancora imparato a giocare in un box mentre sei fuori dalla vista per un minuto o tre.

Inizia mettendola giù con un po 'di giocattoli interessanti mentre svolgi un lavoro comune (piegare il bucato, lavare e riporre i piatti, riporre la spesa, ecc.) Assicurati che abbia la visuale su di te il 90% delle volte e che quando non lo fa lo sei ancora a portata d'orecchio in modo che possa sentirti. Se non è totalmente abituata a questo, potresti dover iniziare rendendo quelle "sparizioni" super brevi - 10 secondi, poi 20, poi 30, poi un minuto, poi due ... hai capito. Se si sente a disagio mentre sei fuori vista e inizia a piangere, chiamala dalla stanza accanto per farle sapere che sei ancora in giro, ma non darle altra particolare attenzione per il pianto.

Per andare a dormire ...

Inizia con una buona (e con "buono" intendo "immancabilmente coerente") routine della buonanotte. Lavati i denti, indossa il jammies, mettiti a letto, leggi una storia. Fallo alla stessa ora nello stesso modo ogni notte in modo che diventi familiare e confortante.

Una volta che la routine della buonanotte è finita, vai in un angolo della stanza e leggi un libro, oppure usa un laptop (in condizioni di luce molto scarsa con lo schermo rivolto lontano da lei). La chiave è stare in silenzio ma non interagire con lei in alcun modo. piangerà e protesterà, ma alla fine ci riuscirà. Più è abituata ad averti a sua completa disposizione e più avrà un attacco - le hai insegnato che piangere fa correre mamma o papà, quindi quando questo non funziona, aumenterà l'intensità fino a quando non si rende conto che le cose sono cambiate.

Dopo che lei è in grado di gestire la tua presenza nella stanza ma senza prestare la sua attenzione, spostati sulla soglia, poi appena fuori dalla porta, poi fuori dalla vista ma a portata d'orecchio inizierà a funzionare . Se si agita dopo che sei già uscito dalla stanza, aspetta circa 10 minuti prima di rispondere e rispondi infilando la testa nella porta, ricordandole che è ora di dormire e allontanandoti.

Perché funziona

I bambini soffrono di ansia da separazione per uno dei due motivi (o una combinazione di entrambi): stare lontano da te (il genitore) è nuovo e diverso e loro no sanno come rispondere o hanno paura di qualcosa (razionale o meno).

La risposta a entrambi è l'esperienza. L'unico modo per imparare che stare lontano da mamma e papà va bene è stare lontano da mamma e papà. Prenderlo a piccoli bocconi rende più facile la digestione del tuo bambino e sembra che impari più rapidamente e facilmente in quel modo rispetto a quando provi a farli diventare "tacchino freddo".

+1 - Ottima risposta. Mi piace particolarmente la tecnica del tempo di separazione che aumenta gradualmente.
#2
+1
kwebb46
2016-04-20 23:41:19 UTC
view on stackexchange narkive permalink

So che questa è una vecchia domanda, ma volevo davvero condividere la mia esperienza. Anche mia figlia nel range di 1-2 anni soffriva di ansia da separazione. Piangeva e si aggrappava a me ogni volta che me ne andavo e iniziava a preoccuparsi se lasciavo la stanza e non sapeva dove andavo.

Un altro genitore mi ha dato un'idea da provare e l'ho fatto e ha funzionato molto bene per noi. L'idea era di salutare tuo figlio e dirgli che saresti tornato. Se fossi stato in casa, le avrei detto che dovevo usare il bagno o qualsiasi altra cosa che dovevo fare, e sarei tornata subito. Quando avevo finito tornavo da lei e le dicevo "sono tornato". Poi quando dovevo lasciarla con qualcun altro e in realtà lasciare fisicamente lo stesso edificio come lei per andare a lavorare, le dicevo cosa stavo per andare a fare e che sarei tornato più tardi. Poi, quando tornavo a prenderla, le dicevo "sono tornato".

Ovviamente nei primi casi non era perfetto, ma col tempo il pianto e la preoccupazione sono diminuiti e meno. Ha iniziato a salutarmi con me dicendo sempre "mamma torna". È arrivata a credere che quando me ne sarei andato alla fine sarei tornato.

Il cartone animato del quartiere di Daniel Tiger ha un ottimo episodio sull'ansia da separazione nei bambini. Contiene una canzone che i genitori della tigre cantano al loro cucciolo di tigre su come gli adulti tornano. Ecco un link a un video di YouTube della canzone. https://www.youtube.com/watch?v=iVcFOUYIvWs

Mia figlia adora cantare le piccole melodie di questo cartoni animati e ne hanno molti che aiutano con tutti i tipi di sfide genitoriali.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...